Piano City: luoghi che non sapevamo esistessero

Piano City: luoghi che non sapevamo esistessero

Ph: Valerio Zanicotti

Dicevano che la bellezza di Milano fosse timida e si nascondesse dietro i suoi eleganti portoni. Un’immagine un po’ retrò, data l’attenzione turistica che sta riscuotendo, ma che cela una sacrosanta verità. Dietro gli eleganti portoni si nasconde il vero tesoro milanese, gli antichi cortili che raramente sono visitabili.

Ma l’occasione si avvicina. Dal 18 al 20 maggio 2018 Piano City Milano ospiterà 470 concerti per pianoforte. Dai luoghi più prestigiosi della città fino alle abitazioni private. Grazie al pianoforte potremo scoprire luoghi che non sapevamo esistessero, conoscere persone che come noi amano la musica. Magari a casa di chi ha deciso di ospitare un pianista. Un’esperienza che avvicina alla musica tantissime persone di estrazione sociale diversa. Una manifestazione di valore per la città.

Partecipare agli house concert è semplice e gratuito. Basta accreditarsi sul sito https://www.pianocitymilano.it/ e aspettare che venga svelato l’indirizzo. Molti concerti sono già sold out. Come quello di Alessandro Martire in collaborazione con Guestar

Giovane compositore pianista italiano, Alessandro ha intrapreso un tour sold out in Russia, nel Far East e nel Sud-est asiatico e presto inizierà un tour in Giappone. Un talento che già a 15 anni scriveva musica con un crescente interesse per la classica contemporanea con l’innesto di elementi derivati dalla musica pop, minimalista e crossover, raggiungendo uno stile personalissimo. La sua attività concertistica con musiche originali, lo ha portato ad esibirsi in prestigiose Università e Teatri di tutto il mondo. Ha appena firmato un accordo a lungo termine con la Ultra International Publishing di New York, la compagnia fondata da Patrick Moxey che lo ha voluto senza pensarci due volte dopo essere rimasto senza parole ascoltando la sua musica.

Posti disponibili terminati, a quanto pare, ma qualcuno potrebbe avere un contrattempo e disdire. La speranza è l’ultima a morire.

No Comments

Post A Comment